Felice Carena nacque a Torino nel 1879 in una famiglia borghese che ne incoraggerà la carriera pittorica e gli permetterà di studiare all’Accademia Albertina.

Questo gli permetterà di sviluppare una tendenza all’estetismo preraffaellita e al divisionismo di Segantini e Previati. 

La sua consacrazione alla X Biennale di Venezia chiude la fase simbolista. Difatti, l’artista diventerà uno dei promotori del secessionismo romano, avviandosi così verso una marcata esemplificazione delle forme. Nella capitale, l’artista organizza una scuola d’arte che sarà frequentata, tra gli altri, anche da Pirandello. Dopo un periodo come docente presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze, diventerà “Accademico d’Italia” nel 1933.  

Oltre ai temi sacri, Carena predilige le nature morte che interpreta in chiave simbolica e malinconica. 

Felice Carena muore a Venezia nel 1966 dove si era trasferito per lavorare e dove prese parte alla decorazione della valigia di cartone che darà vita all’Ordine de la Valigia.